Pitti uomo 2018: novità e tendenze per la prossima collezione autunno-inverno

Quanto è bella Firenze nelle sue stradine, nei suoi palazzi storici  e nei suoi monumenti? E quanto è frizzante l’aria fiorentina nella settimana interamente dedicata alle tendenze dell’abbigliamento maschile?

Oggi infatti si conclude l’evento più importante e più fashion non solo per il capoluogo toscano ma per tutto il mondo della moda: Pitti uomo, arrivato ormai all’edizione numero 93.

Si tratta di una delle più importanti manifestazioni fieristiche nel campo del fashion riservata al mondo maschile, che trasforma Firenze in una vera e propria capitale di stile e che permette di scoprire tutte le collezioni che saranno in vendita nel corso del prossimo anno.

Il salone fiorentino, apertosi martedì 9 gennaio e che si concluderà nella giornata di oggi presso la Fortezza da Basso, ha visto oltre 1200 protagonisti partecipanti, con più di 500 marchi stranieri, e si è focalizzato sul tema del rapporto moda-cinema, con locandine nel piazzale, padiglioni allestiti come sale di proiezione, gigantesche poltrone all’ingresso e gli stili delle varie sezioni esposti e reinterpretati come generi cinematografici. L’intento infatti è stato quello di ricreare una sorta di viaggio tra finzione e realtà, un salto tra il mondo dei film e quello delle vanità maschili.  

moda-cinema

 

Moltissime le mostre e gli eventi organizzati per questa edizione, non solo nelle sale della Fortezza, ma anche disseminati in alcune delle location più suggestive della città.

Una conferma riproposta anche in quest’edizione nel mondo delle calzature sono le sneakers. Questa tipologia di scarpa mantiene infatti una posizione privilegiata nella scelta di stilisti e acquirenti e conservano il predominio tra quelle che verranno indossate nel corso della prossima stagione invernale. 

Le novità e l’aspetto evolutivo stanno nelle forme arrotondate e avvolgenti, nei pellami -non più solo canvas e suède, ma anche in vitello patinato a mano o in pregiati camosci- e nella suola, tra cui quelle predominanti sono a dente di squalo e liscia -c’è anche chi decide di personalizzarla con disegni sotto la suola o sulla tomaia, ad esempio con dipinti fiamminghi o graffiti metropolitani-.

Nell’attesa di ritrovare nei negozi quanto proposto al Pitti uomo, non resterà quindi che aspettare che venga battuto il Ciak finale e che si abbassino le luci degli studios in Fortezza!

Lascia un Commento